SCHIACCIATA ALLA FIORENTINA

Il nome di questo dolce confonde molto dato che in Toscana la schiacciata è, di norma, salata….ma questa di salato non ha niente!! Nata a Firenze da origini umili la schiacciata fiorentina viene fatta prevalentemente nel periodo di carnevale, da gennaio a marzo, anche se oggi la possiamo trovare nelle migliori pasticcerie del capoluogo toscano.

Questa torta non è molto alta (appunto schiacciata) e si presenta soffice, dolce quel che basta ed ha il profumo d’arancia. La versione originale la vede senza nessun tipo di farcitura, mentre nelle versioni moderne la troviamo ripiena di crema diplomatica, crema pasticcera, cioccolata o qualsivoglia farcitura ti possa piacere…

Ingredienti: 400 gr di farina 320 gr di zucchero semolato, 120 ml di latte intero, 60 gr di olio do oliva, 4 uova, 2 arance (succo + scorza grattugiata), 2 bustine di lievito per dolci, 1 bacca di vaniglia.

Il procedimento è molto semplice: comincia col montare le uova con lo zucchero e quando il composto diventa chiaro e bello spumoso alterna, mescolando con una spatola, la parte della farina coi liquidi. Se fai così eviterai la formazione dei grumi.

A questo punto prepara la teglia (se hai quella in alluminio rettangolare da pizza, la mezza teglia) imburrandola e infarinandola o se vuoi puoi usare la carta forno. Metti il composto ottenuto all’interno della teglia e inforna a 180 gradi (forno caldo) per il tempo necessario. Fai la prova stecchino per essere sicura.

La dose consigliata è per una teglia di alluminio grande o per due piccole.

Una volta cotta la tua schiacciata falla raffreddare bene prima di farcirla e nel frattempo preparati la forma del giglio fiorentino su un pezzo di cartone. Fai una specie di stencil.

Una volta fredda puoi farcire la tua schiacciata con crema diplomatica oppure lasciarla al naturale.

E’ importantissima la decorazione: cospargi la superficie di abbondante zucchero a velo e dopo, al centro, appoggia il tuo giglio e spolverizza solo questo con cacao in polvere in modo da far rimanere l’immagine sul dolce.

Il dolce non va nello stomaco, il dolce arriva dritto al cuore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: