ARISTA AL FORNO

Oggi ti propongo questa ricetta facile e veloce per cucinare l’arista di maiale. Ho comprato, per semplicità, l’arista disossata ma tieni presente che se la compri con l’osso risulta sicuramente più saporita.

Come contorno ti propongo le verdure al forno che trovi nella sezione “contorni” oppure, visto che fa freddo, una bella insalata di arance, giusto per rinfrescare il piatto. Inoltre col maiale stanno benissimo le mele e quindi perché non preparare una buonissima salsa di mele?? Ti spiego come prepararla.

Ingredienti: – 1 Kg di arista – 2 spicchi di aglio – 2 rametti di rosmarino – 3 foglie di salvia – 1/2 cucchiaino di origano – 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Per prima cosa ricordati che questo tipo di carne va tenuta a temperatura ambiente per circa mezz’ora e quindi non va cotto appena tolta dal frigo. Inoltre prima di metterla in cottura ricordati di asciugarla con della carta assorbente; una volta asciutta ricoprila con sale e pepe.

Nel frattempo fai un trito fine con l’aglio, il finocchio, il rosmarino, la salvia, sale e pepe e cerca di infilare questo composto dentro la carne dopo che l’avrai bucata, da ambo i lati, con uno stecchino grosso (tipo bacchetta cinese) oppure, se lo hai, usa un ago per lardellare (lo trovi su Amazon). Se hai preso il pezzo di arista con l’osso metti il trito anche tra la carne e l’osso dopo che l’avrai staccato di almeno la metà della sua lunghezza.

Ora che il tuo pezzo di arista è pronto adagialo su di una teglia, cospargilo di olio e mettila in forno preriscaldato a 220° per 15 minuti e dopo a 120° per 40 minuti.

Passato il tempo di cottura togli dal forno il tuo pezzo e fallo riposare prima di tagliarlo.

In Toscana l’arista viene servita fredda, magari accompagnata col suo fondo di cottura caldo o conuna salsa sempre calda. Oggi la preparo, come ti ho già scotto, con la salsa di mele visto che stanno benissimo con la carne di maiale.

Gli animali da fuori guardavano il maiale e poi l’uomo, poi l’uomo e ancora il maiale: ma era ormai impossibile dire chi era l’uno e chi l’altro. (George Orwell, La fattoria degli animali)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: